Luglio 4, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Danneggiato, il britannico Boris Johnson conquista la vittoria nel voto di fiducia del partito

  • I grandi accordi di ribellione del Partito conservatore colpiscono il Primo Ministro
  • Johnson dice che è un “risultato decisivo”
  • COVID-19 “Partygate” inasprisce l’umore

LONDRA, 6 giugno (Reuters) – Il premier britannico Boris Johnson è sopravvissuto lunedì al voto di fiducia, ma una grande ribellione del suo partito conservatore per il cosiddetto scandalo “partygate” ha inferto un duro colpo alla sua autorità e lo lascia con una lotta per vincere supporto posteriore.

Johnson, che ha ottenuto un’ampia vittoria elettorale nel 2019, è stato sottoposto a crescenti pressioni dopo che lui e il personale hanno tenuto feste alimentate dall’alcol nel suo ufficio e residenza di Downing Street quando la Gran Bretagna era sotto blocco per affrontare la pandemia di COVID-19.

Il voto è stato un duro colpo per Johnson, con il 41% dei suoi legislatori che ha votato contro la sua leadership dopo mesi di scandali e gaffe che hanno sollevato dubbi sulla sua autorità di governare la Gran Bretagna e fatto cadere la sua posizione tra il pubblico.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Ma Johnson, un maestro dei ritorni politici, ha invece descritto il voto come un “risultato decisivo”, nel senso che “come governo possiamo andare avanti e concentrarci sulle cose che penso siano davvero importanti per le persone”.

“Possiamo concentrarci su ciò che stiamo facendo per aiutare le persone con il costo della vita, cosa stiamo facendo per cancellare gli arretrati COVID, cosa stiamo facendo per rendere le strade e le comunità più sicure mettendo fuori più polizia”, ​​ha affermato Johnson , che da settimane cerca di allontanare il discorso nazionale da “partygate”. leggi di più

READ  Prezzo Bitcoin: Celsius interrompe gli scambi, Binance sospende alcuni prelievi

È un cambio di fortuna per Johnson e sottolinea la profondità della rabbia nei suoi confronti. È stato accolto con un coro di scherni e fischi, e alcuni applausi smorzati, agli eventi per celebrare il Giubileo di platino della Regina Elisabetta negli ultimi giorni.

Diversi legislatori hanno affermato che il voto, che ha visto 211 legislatori votare a favore di Johnson contro 148, è stato peggiore del previsto per un primo ministro, una volta apparentemente inattaccabile dopo aver ottenuto la maggioranza dei conservatori in più di tre decenni.

“Boris Johnson sarà sollevato da questo voto. Ma capirà anche che la prossima priorità è ricostruire la coesione del partito”, ha detto a Reuters David Jones, un ex ministro. “Sono sicuro che sarà all’altezza della sfida”.

Altri erano meno ottimisti, con un legislatore conservatore che ha affermato in condizione di anonimato: “È chiaramente molto peggio di quanto la maggior parte delle persone si aspettasse. Ma è troppo presto per dire cosa accadrà ora”.

Roger Gale, critico di lunga data di Johnson, ha esortato il primo ministro “a tornare a Downing Street stasera e considerare molto attentamente dove andrà da qui”.

12 MESI DI RECUPERO

Vincendo il voto di fiducia, Johnson si è assicurato una tregua per 12 mesi quando i legislatori non possono proporre un’altra sfida. Ma la sua predecessore Theresa May ha ottenuto un punteggio migliore nel suo voto di fiducia del 2018 solo per dimettersi sei mesi dopo. leggi di più

Decine di legislatori conservatori hanno espresso preoccupazione sul fatto che Johnson, 57 anni, abbia perso la sua autorità per governare la Gran Bretagna, che sta affrontando il rischio di recessione, aumento dei prezzi del carburante e dei generi alimentari e il caos dei viaggi inflitti dagli scioperi nella capitale Londra.

Ma il suo gabinetto si è radunato intorno a lui e ha evidenziato quelli che dicevano fossero i successi del governo: un rapido lancio delle vaccinazioni COVID-19 e la risposta della Gran Bretagna all’invasione russa dell’Ucraina.

Johnson vs May: voti di fiducia a confronto

La maggioranza dei legislatori dei conservatori – almeno 180 – avrebbe dovuto votare contro Johnson per rimuoverlo.

In precedenza, un portavoce dell’ufficio di Downing Street di Johnson ha affermato che il voto “consentirà al governo di tracciare una linea e andare avanti” e che il primo ministro ha accolto con favore l’opportunità di presentare il suo caso ai legislatori. leggi di più

Johnson, ex sindaco di Londra, è salito al potere a Westminster come volto della campagna sulla Brexit in un referendum del 2016 e ha vinto le elezioni del 2019 con lo slogan “portare a termine la Brexit”.

Jacob Rees-Mogg, ministro per le opportunità Brexit, ha detto a Sky News che completare l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea sarebbe “significativamente a rischio senza la sua spinta e la sua energia”.

Johnson ha stretto le corna con Bruxelles sull’Irlanda del Nord, sollevando la prospettiva di ulteriori barriere per il commercio britannico e allarmando i leader in Irlanda, Europa e Stati Uniti sui rischi per l’accordo di pace del 1998 della provincia.

Ma sono stati i mesi di storie di ciò che è successo a Downing Street, inclusi litigi e vomito indotto dall’alcol, quando a molte persone è stato impedito di dire addio ai propri cari ai funerali, che hanno fatto il vero danno.

READ  Metal Planet orbita attorno alla sua stella ogni 7,7 ore

La mossa ha portato i legislatori di diverse ali del partito a rivelare di essersi rivolti contro il loro leader. Un ex alleato ha accusato il primo ministro di aver insultato sia l’elettorato che il partito rimanendo al potere.

“Hai presieduto a una cultura di violazione della legge casuale al 10 di Downing Street in relazione al COVID”, ha detto prima del voto Jesse Norman, un ex sottosegretario.

Anche il capo della lotta alla corruzione di Johnson, John Penrose, si è dimesso.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reportistica di Elizabeth Piper e Andrew MacAskill; Rapporti aggiuntivi di David Milliken, William James, Alistair Smout, Farouq Suleiman e Helena Williams; Montaggio di William Schomberg e Grant McCool

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.