Luglio 4, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Cosa aspettarsi udienze del 6 gennaio giorno 5:

Gli assistenti hanno affermato che l’udienza esaminerà anche le discussioni all’interno della Casa Bianca sulla nomina di un avvocato speciale per indagare sulle affermazioni di Trump di frode elettorale, emerse in un’accesa riunione dello Studio Ovale del dicembre 2020 con Sidney Powell e il primo consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, Michael Flynn.

La spinta di Trump iniziò quello che fu un periodo tumultuoso al Dipartimento di Giustizia in vista del 6 gennaio 2021, quando l’allora presidente considerò di sostituire Rosen con Jeffrey Clarkallora il massimo avvocato per l’energia del dipartimento che aveva spinto le accuse di frode di Trump all’interno del Dipartimento di Giustizia.

I funzionari del Dipartimento di Giustizia, insieme agli avvocati dell’ufficio legale della Casa Bianca, hanno preso parte a un drammatico incontro il 3 gennaio 2021 nello Studio Ovale con Clark e Rosen presenti, dove Trump alla fine si è ritirato dal suo piano di insediare Clark come capo di il Dipartimento di Giustizia – dopo che Rosen, Donoghue ed Engel hanno minacciato di dimettersi per protesta.

Secondo una copia della sua dichiarazione scritta che consegnerà all’udienza di giovedì, Rosen affermerà che al Dipartimento di Giustizia non è stata fornita alcuna prova di una diffusa frode elettorale.

“Alcuni hanno sostenuto all’ex presidente e al pubblico che le elezioni erano corrotte e rubate. Quel punto di vista era sbagliato allora ed è sbagliato oggi, e spero che la nostra presenza qui oggi aiuti a riaffermare questo fatto”, dirà Rosen.

L’audizione di giovedì è la quinta che il comitato terrà questo mese per svelare i risultati della sua indagine, basandosi sulle sessioni precedenti che si sono concentrate su altri aspetti della campagna di pressione di Trump. Probabilmente è anche l’ultima udienza del mese, con il le udienze finali sono state rinviate a luglio.

Il programma è ancora fluido e soggetto a modifiche, ma un round di audizioni a luglio è l’obiettivo attuale della commissione, ha detto ai giornalisti mercoledì il presidente della commissione selezionata Bennie Thompson, un membro del Congresso democratico del Mississippi.

Clark sarà al centro dell’attenzione

Le ultime due udienze della commissione sulla campagna di pressione contro l’allora vicepresidente Mike Pence e i funzionari elettorali statali si sono spesso rivolte agli sforzi dell’avvocato di Trump John Eastmanche ha svolto un ruolo chiave avanzando teorie su come Trump potrebbe sostituire o respingere gli elettori presidenziali vinti da Joe Biden.

Giovedì, gli sforzi di Clark dietro le quinte per aiutare la campagna di Trump a sovvertire le elezioni saranno probabilmente l’obiettivo principale.

READ  Nuove immagini satellitari mostrano interi isolati della città distrutti nel centro di Mariupol

Gli assistenti del comitato hanno affermato che l’audizione si concentrerà sul ruolo che Clark ha svolto all’interno del Dipartimento di Giustizia spingendo le false affermazioni di frode di Trump. Clark aveva in programma di “invertire le conclusioni investigative del dipartimento sulla frode elettorale”, secondo gli assistenti del comitato, e voleva inviare lettere agli stati in cui suggerivano che c’era stata una frode.

La sua spinta è stata rapidamente respinta da Rosen e Donoghue, il che ha portato alla resa dei conti dello Studio Ovale in cui Trump ha preso in considerazione l’idea di affidare a Clark il dipartimento.

Mentre prestava servizio come capo ad interim delle cause civili presso il Dipartimento di Giustizia alla fine della presidenza Trump, Clark ha lanciato piani per dare sostegno al legislatore georgiano e ad altri stati per minare i risultati del voto popolare. Ha dato credito a teorie del complotto infondate sulla frode elettorale, secondo i documenti del Dipartimento di Giustizia, e ha comunicato con Trump di diventare il procuratore generale, secondo un’indagine del Senato questo mese.

La portata dei colloqui di Clark con Trump nei giorni precedenti al 6 gennaio non è ancora pubblicamente nota.

Clark è apparso davanti al comitato per un deposito a febbraio e ha chiesto il quinto, secondo gli assistenti.

Il caos del Dipartimento di Giustizia è stato esaminato in precedenza

L’anno scorso, la Commissione Giustizia del Senato ha pubblicato un lungo rapporto descrivendo in dettaglio come Trump aveva cercato di utilizzare il Dipartimento di Giustizia per portare avanti i suoi sforzi per ribaltare le elezioni del 2020. L’indagine del Senato includeva interviste con i testimoni del DOJ che giovedì testeranno pubblicamente.

Gli assistenti della commissione del 6 gennaio hanno affermato che l’indagine della giuria sta rispondendo a una serie di domande diversa rispetto all’indagine del Senato, osservando che in ciascuna delle precedenti udienze della commissione, ci sono state alcune parti della storia che erano note e alcune sconosciute.

Al comitato, ad esempio, sono stati forniti messaggi di testo che mostravano come l’ex capo di stato maggiore della Casa Bianca Mark Meadows fosse collegato a Clark attraverso il rappresentante del GOP della Pennsylvania. Scott Perry, CNN precedentemente segnalato.
Perry è stata una delle tre persone individuate nel rapporto della magistratura del Senato per un ulteriore esame, insieme al rappresentante del GOP dello stato della Pennsylvania. Doug Mastriano – ora il candidato repubblicano alla carica di governatore – e il consulente legale di Trump Cleta Mitchell.

“Poiché gli eventi del 6 gennaio sono al di fuori dell’immediato ambito delle indagini della commissione, questo rapporto è stato messo a disposizione della commissione ristretta della Camera sull’attacco del 6 gennaio, così come del pubblico, per assistere le loro indagini”, la commissione giudiziaria del Senato ha scritto.

READ  Aggiornamenti in tempo reale sulle elezioni australiane: gli elettori decidono il destino di Scott Morrison

Oltre a fornire nuovi dettagli su come Perry fosse il nesso tra Trump e Clark, i messaggi di testo forniti da Meadows e i documenti del tribunale hanno aiutato la commissione della Camera a colmare lacune significative sul ruolo chiave svolto dal poco noto membro del Congresso repubblicano in quasi ogni turno in progettando di annullare o ritardare la certificazione delle elezioni del 2020.

Kinzinger guiderà l’udienza di giovedì

Rappresentante. Adam Kinzinger, un repubblicano dell’Illinois, sarà il membro del comitato che farà la maggior parte degli interrogatori durante l’audizione di giovedì incentrata sul Dipartimento di Giustizia.

Ciò potrebbe significare che il comitato fornirà maggiori informazioni su ciò di cui afferma essere una prova I legislatori repubblicani chiedono la grazia dal Dipartimento di Giustizia, incluso Perry.

La commissione ha sollevato la grazia nell’audizione di apertura. In seguito, Perry ha negato di aver chiesto la grazia, definendola una “menzogna assoluta, spudorata e senz’anima”.

Su “Face the Nation” della CBS all’inizio di questo mese, Kinzinger ha detto che ulteriori informazioni sulle perdonazioni sarebbero state rilasciate durante l’udienza che avrebbe guidato.

Alla domanda sulla smentita di Perry, Kinzinger ha detto: “Non voglio puntare la mano su questo. Pubblicheremo ciò di cui abbiamo bisogno. Ma non faremo accuse o diremo cose senza prove o supporto di prove .lo. “

L’ex consigliere della Casa Bianca rimane un punto interrogativo

Insieme ai leader del Dipartimento di Giustizia, l’allora consigliere della Casa Bianca Pat Cipollone ha svolto un ruolo significativo nel respingere gli sforzi di Trump di installare un lealista in cima al Dipartimento di Giustizia – e si è unito alle loro minacce di dimettersi.

Cipollone, però, non sta testando all’udienza di giovedì, e non è chiaro se lo farà alle audizioni di commissione.

Thompson ha detto che è sua speranza che Cipollone testimonierà in un’audizione pubblica, “ma sai, potrebbe succedere, non potrebbe”.

Alla domanda se il comitato avesse una testimonianza video di Cipollone da riprodurre durante un’audizione nel caso in cui si rifiutasse di testimoniare in pubblico, Thompson ha detto: “Lo terrò per dopo”.

READ  Futures di Wall St, rally dell'euro sulle speranze del vertice Biden-Putin

All’udienza di martedì, il vicepresidente di commissione, repubblicano Rep. Liz Cheney del Wyoming, ha chiamato Cipollone, dicendo che la giuria stava lavorando per garantire la sua testimonianza.

“Il popolo americano non ha ancora sentito l’ex consigliere della Casa Bianca di Trump, Pat Cipollone. La nostra commissione è certa che Donald Trump non vuole che il signor Cipollone testimoni qui. In effetti, le nostre prove mostrano che il signor Cipollone e il suo ufficio ci hanno provato per fare ciò che era giusto. Hanno cercato di fermare una serie di piani del presidente Trump per il 6 gennaio “, ha detto Cheney. “Pensiamo che il popolo americano meriti di sentire personalmente il signor Cipollone. Dovrebbe comparire davanti a questa commissione e stiamo lavorando per garantire la sua testimonianza”.

Cipollone ha resistito a fornire una testimonianza pubblica, tuttavia, ritenendo di aver sufficientemente cooperato con il comitato sedendosi per un’intervista a porte chiuse, ha riferito la CNN martedì.

Il programma delle udienze rimane un work in progress

Inizialmente l’audizione di giovedì avrebbe dovuto tenersi mercoledì scorso, ma la commissione l’ha rinviata il giorno prima.

La commissione aveva inizialmente detto che avrebbe tenuto tutte le audizioni a giugno, ma ora è probabile che il programma venga posticipato a luglio.

Ci sono almeno altre due udienze dopo giovedì che il comitato aveva precedentemente organizzato: una incentrata sugli estremisti che hanno attaccato il Campidoglio il 6 gennaio e un’altra su ciò che Trump stava e non stava facendo in risposta all’attacco.

Ma con l’arrivo di nuove informazioni in commissione, gli assistenti si sono rifiutati di dire mercoledì se quelle sarebbero state le uniche udienze rimaste o quando si sarebbero tenute, aggiungendo che la tempistica delle udienze era determinata dalle indagini.

In effetti, i membri del comitato hanno affermato di aver bisogno di più tempo per esaminare nuovi filmati documentari da cui la giuria ha ricevuto il documentarista Alex Holder, che non ha mai visto filmati di Trump e della sua famiglia. Thompson ha detto di aver esaminato parte del filmato e di averlo definito “importante”.

“C’è stato un diluvio di nuove prove da quando abbiamo iniziato”, il membro del comitato Rep. Jamie Raskin, un democratico del Maryland, ha detto mercoledì. “E dobbiamo solo riprendere fiato, esaminare le nuove prove e poi incorporarle nelle audizioni”.

Evan Perez e Brian Rokus della CNN hanno contribuito a questo rapporto.