Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Clinton rimprovera Trump per le accuse di aver gettato i documenti nel bagno della Casa Bianca: “Ma le sue e-mail”

Hillary Clinton ha fatto luce venerdì sulle accuse degli ex membri dello staff dell’amministrazione Trump di aver trovato documenti strappati intasare un gabinetto della Casa Bianca e che credono che l’allora presidente Donald Trump abbia tentato di irrigarli.

Le accuse avanzate dagli ex membri dello staff della Casa Bianca compaiono nel libro di prossima uscita della giornalista del New York Times Maggie Haberman intitolato “Confidence Man: The Making of Donald Trump and the Breaking of America”.

Trump, la cui risposta al gen. 6, 2021, una rivolta al Campidoglio degli Stati Uniti è oggetto di indagine da un comitato ristretto della Camera, è stato scoperto la scorsa settimana per aver rimosso in modo improprio scatole di documenti dalla Casa Bianca in possibile violazione del Presidential Records Act. Alcuni dei documenti contenuti in 15 scatole che da allora sono state recuperate erano contrassegnati come “classificati” e “top secret”. Lo ha riferito il Washington Post.

Giovedì Trump ha rilasciato una dichiarazione in cui negava di aver mai scaricato documenti ufficiali in un gabinetto della Casa Bianca.

“Un’altra storia falsa, che ho gettato carte e documenti nel water della Casa Bianca, è categoricamente falsa e semplicemente inventata da un giornalista per ottenere pubblicità per un libro per lo più fittizio”, ha affermato Trump nella dichiarazione.

La segnalazione di Haberman è stata corroborata, tuttavia, dalla giornalista di Bloomberg Jennifer Jacobs.

Il riferimento di Clinton a “Galentine’s Day” si riferisce a un termine coniato in un episodio della sitcom “Parks and Recreation” in cui i personaggi femminili creano una vacanza per celebrare le amicizie tra donne.

READ  Dana White: l'UFC assumerà una guardia di sicurezza per le bilance dopo il peso dell'"incubo" di Charles Oliveira

Il messaggio sul cappello, “MA LE SUE EMAIL”, si rifà all’indagine dell’FBI e alla successiva copertura mediatica che derivava dall’uso da parte della Clinton di un server di posta elettronica privato mentre era segretario di stato. Molte persone – inclusa la stessa Clinton – credono che la smisurata attenzione a questo, che impallidisce rispetto ai molti scandali che circondano Trump, possa averle impedito di vincere le elezioni presidenziali del 2016. L’FBI alla fine ha scagionato la Clinton dalle accuse secondo cui lei e il suo staff avevano deliberatamente maltrattato informazioni riservate.

Il cappello che appare nel tweet di Clinton, nel frattempo, può essere acquistato per $ 30 su OnwardTogether.org, che rileva che “tutti i proventi vanno a sostenere i gruppi progressisti che lavorano per costruire un’America più giusta e inclusiva”.

Come Clinton, Trump vende una gamma di prodotti sul sito Web dell’organizzazione Trump, Trumpstore.com, che pubblicizza “le ultime novità in fatto di merchandising, abbigliamento, copricapi, regali e molto altro a marchio Trump!”

Illustrazione di copertina: Yahoo News; foto: avantiinsieme.org