Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

California intenta una causa antitrust contro Amazon

Mercoledì il procuratore generale della California ha intentato una causa antitrust contro Amazon, sostenendo che il rivenditore soffoca la concorrenza e aumenta i prezzi che i consumatori pagano su Internet.

La causa è limitata alla California, dove i funzionari hanno affermato che Amazon aveva circa 25 milioni di clienti, ma se avrà successo potrebbe avere un ampio impatto in tutto il paese.

“Se pensi ai californiani che pagano anche solo un po’ di più per ogni prodotto che hanno acquistato online nel corso di un anno, per non parlare di un decennio, che è ciò che è in questione qui, l’entità collettiva del danno qui è di vasta portata . ”, ha affermato Rob Bonta, procuratore generale della California, durante una conferenza stampa in cui ha annunciato il caso.

“Il ‘negozio di tutto’ ha effettivamente fissato un prezzo minimo, costando di più ai californiani praticamente per tutto”, ha affermato.

La causa si concentra in gran parte sul modo in cui Amazon penalizza i venditori per aver elencato prodotti a prezzi inferiori su altri siti web. Se Amazon individua un prodotto elencato a un prezzo inferiore sul sito Web di un concorrente, rimuove spesso pulsanti importanti come “Acquista ora” e “Aggiungi al carrello” da una pagina di elenco di prodotti.

Questi pulsanti sono un importante fattore di vendita per le aziende che vendono tramite Amazon e perderli può danneggiare rapidamente le loro attività.

Ciò crea un dilemma per i venditori del mercato. A volte, possono offrire prodotti a prezzi inferiori su siti diversi da Amazon perché il costo dell’utilizzo di tali siti può essere inferiore. Ma poiché Amazon è di gran lunga il più grande rivenditore online, i venditori preferirebbero aumentare i prezzi su altri siti piuttosto che rischiare di perdere le vendite su Amazon, la denuncia dissecitando interviste con venditori, concorrenti e consulenti del settore.

“Senza concorrenza sui prezzi di base, senza diversi siti online che cercano di superarsi a vicenda con prezzi più bassi, i prezzi si stabilizzano artificialmente a livelli più alti di quanto sarebbe il caso in un mercato competitivo”, afferma la denuncia.

READ  Il capo dei servizi segreti James Murray lascia l'agenzia

La causa della California è l’ultima di una serie di sforzi sempre più aggressivi da parte degli stati e delle autorità di regolamentazione a Washington e in Europa per frenare l’influenza delle più grandi aziende del settore tecnologico. Sempre mercoledì, a La corte dell’Unione Europea ha dato la sua benedizione a una multa record multimiliardaria emessa contro Google nel 2018.

Date le dimensioni dell’economia della California e il ruolo di Amazon in essa, “questo è un contenzioso che ha significative implicazioni nazionali”, ha affermato Christopher R. Leslie, professore di diritto antitrust presso l’Università della California, a Irvine. Se prevalgono le affermazioni dell’antitrust, “non c’è modo in cui altri stati non prendano il sopravvento e portino altri casi”, ha affermato.

La causa fa eco a Astuccio quello è stato portato da Karl A. Racine, il procuratore generale del Distretto di Columbia, e così è stato buttato fuori questa primavera. Il giudice Hiram E. Puig-Lugo della Corte Superiore del Distretto di Columbia ha ritenuto che il sig. Racine non aveva fornito prove sufficienti del fatto che le politiche di Amazon fossero anticoncorrenziali. Sig. Racine impugna la sentenza.

“Simile al procuratore generale della DC – la cui denuncia è stata respinta dai tribunali – il procuratore generale della California ha esattamente il contrario”, ha affermato in una dichiarazione Alex Haurek, un portavoce di Amazon. “I venditori stabiliscono i propri prezzi per i prodotti che offrono nel nostro negozio.”

Amazon spera che la causa venga respinta, Mr. Haurek ha affermato, ed è orgoglioso di offrire prezzi bassi “attraverso la più ampia selezione e, come qualsiasi negozio, ci riserviamo il diritto di non evidenziare offerte ai clienti che non hanno un prezzo competitivo”.

La maggior parte delle vendite di Amazon, il 57% delle unità dell’ultimo trimestre, sono prodotti che i commercianti di terze parti offrono sul suo sito web. Pagano ad Amazon una commissione di riferimento per elencare i loro prodotti e spesso pagano i servizi di evasione ordini, la pubblicità e altre offerte di Amazon. Amazon ha raccolto oltre $ 100 miliardi di commissioni per servizi di terze parti negli ultimi 12 mesi, secondo il suo documenti finanziari.

READ  Futures Dow Jones: rally di mercato anche se i rendimenti aumentano, per ora; Tesla rivale Xpeng alla spina

La California ha indagato su Amazon per più di due anni, e la denuncia, presentata alla Corte Superiore di San Francisco, affermava che le pratiche violavano la legge sulla concorrenza sleale della California e il Cartwright Act, la principale legge antitrust dello stato. Ha chiesto rimedi che includessero la fine del comportamento anticoncorrenziale e il pagamento di sanzioni.

Sig. Haurek ha affermato che il sollievo cercato nel caso “costringerebbe Amazon a offrire prezzi più elevati ai clienti, andando stranamente contro gli obiettivi fondamentali della legge antitrust”.

Sig. Bonta ha detto che pensava che il caso avrebbe avuto successo laddove il Distretto di Columbia era inciampato fornendo molti più dettagli su come Amazon stesse danneggiando i consumatori. Ha detto che c’è stata più ricerca “di qualsiasi altro caso abbia mai visto”, aggiungendo che la legge dello stato della California fornisce alcune protezioni aggiuntive.

La denuncia affermava che Amazon è stata in grado di addebitare ai venditori più dei concorrenti perché ha catturato così tante vendite online. I costi in aumento per i venditori includono l’adempimento e il pagamento della pubblicità, che i venditori vedono sempre più come una necessità per avere successo. La denuncia cita pesantemente documenti interni di Amazon che sono stati redatti.

Il risultato è un “ciclo anticoncorrenziale”, afferma la denuncia, in cui i venditori devono aumentare i prezzi su Amazon per recuperare i propri costi. Ma a causa delle disposizioni sui prezzi di Amazon, i venditori devono avere prezzi più alti su altri siti e “altri negozi online non possono attirare efficacemente i consumatori lontano da Amazon con prezzi più bassi”.

Sig. La denuncia di Bonta citava e-mail tra un marchio di elettronica per la cura della persona e un altro rivenditore, chiedendo al rivenditore di aumentare i prezzi su un articolo scontato perché Amazon ha soppresso il loro elenco. Il marchio voleva “rimuovere tutte le offerte e l’inventario fino al primo trimestre poiché ciò è accaduto più volte e sta causando una grande interruzione al business di Amazon”, ha scritto. “Semplicemente non possiamo più permetterci chiusure di buy-box su Amazon.”

READ  Notizie in diretta Ucraina: gli scioperi russi a Odesa sollevano dubbi sull'accordo sul grano

La denuncia affermava che il venditore non forniva più prodotti al concorrente.

Sig. Leslie, il professore di giurisprudenza, ha affermato che la “carnosa” denuncia ha fornito un argomento convincente, probabilmente rafforzato dalle prove redatte, che “se il mercato fosse lasciato funzionare senza le politiche anticoncorrenziali di Amazon, i consumatori potrebbero trarre vantaggio da prezzi più bassi al di fuori di Amazon. .” Ha detto che il caso ha ancora degli ostacoli, visti i nuovi problemi che ha sollevato.

A livello nazionale, la Federal Trade Commission, guidata da Lina Khan, una critica di Amazon, sta indagando se Amazon ha violato le leggi antitrust. L’agenzia sta anche esaminando il processo attraverso il quale i consumatori acquistano o annullano un abbonamento Amazon Prime, che alcuni dicono può essere deliberatamente confuso.

Il mese scorso, Amazon spostato per fermarsi Le richieste dell’agenzia di intervistare Jeff Bezos, il fondatore di Amazon, e il suo amministratore delegato, Andy Jassy, ​​nell’inchiesta Prime sulla base del fatto che le richieste sono state “calcolate per non servire ad altro scopo se non quello di molestare i dirigenti di più alto rango di Amazon e interromperne operazioni commerciali.” .”

Anche i legislatori di Washington hanno nel mirino Amazon. La società ha combattuto in modo aggressivo un disegno di legge antitrust bipartisan che impedirebbe ad Amazon di favorire i propri prodotti nel proprio negozio online. La proposta possibilità di passaggio potrebbe attenuarsi ulteriormente quando i legislatori rivolgono la loro attenzione alle elezioni di medio termine.

Amazon è stata più diplomatica in altri casi. Di fronte a un’indagine sulle sue pratiche di vendita al dettaglio in Europa, l’azienda proposto una serie di modificheinclusa la limitazione dei dati che raccoglie dai venditori rivali e la possibilità di vendere ai clienti Prime senza utilizzare il programma logistico di Amazon.