Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Biden: l’invasione dell’Ucraina è ancora “distintamente possibile” nonostante le affermazioni russe | Ucraina

Joe Biden ha affermato che 150.000 soldati russi rimangono in una “posizione minacciosa” intorno all’Ucraina, nonostante le affermazioni russe di ritiroe ha avvertito che un’invasione “rimane nettamente possibile”.

In un discorso televisivo della Casa Bianca martedì pomeriggio, Biden ha combinato un’offerta ripetuta di colloqui sulla sicurezza con un avvertimento di gravi ripercussioni se Russia compie un attacco che secondo quanto riferito dai servizi segreti statunitensi potrebbe aver luogo già mercoledì.

Ha detto che avrebbe “radunato il mondo” per opporsi all’azione militare russa, ma ha chiarito che la risposta sarebbe stata principalmente economica, dicendo: “Non manderò militari americani a combattere in Ucraina. ”

Ma ha chiarito che qualsiasi attacco al territorio della Nato o danno agli americani sarebbe stato trattato in modo diverso.

“Non stiamo cercando un confronto diretto con la Russia, anche se sono stato chiaro che se la Russia prende di mira gli americani e l’Ucraina, risponderemo con forza”, ha detto Biden. “Se la Russia attacca gli Stati Uniti o i nostri alleati con mezzi asimmetrici, come attacchi informatici dirompenti contro le nostre aziende o infrastrutture critiche, siamo pronti a rispondere”.

All’inizio della giornata, i siti web gestiti dal ministero della Difesa ucraino, dalle forze armate e dalla più grande banca commerciale del paese, PrivatBank, sono stati chiusi dopo un attacco informatico. Il Washington Post ha citato fonti di intelligence secondo cui l’attacco è stato probabilmente opera di hacker del governo russo, ma la Casa Bianca ha affermato di non poter commentare l’attribuzione.

Biden stava parlando ore dopo Vladimir Putin aveva affermato che un ritiro “parziale” delle forze russe dal confine ucraino.

Alla domanda sul motivo del prelievo di martedì, Putin non è stato disponibile. “Si tratta di un ritiro parziale delle truppe dalle aree delle nostre esercitazioni”, ha detto in risposta a una domanda durante una conferenza stampa con il cancelliere tedesco, Olaf Scholz. “Cosa c’è da commentare?”

Nel suo discorso televisivo, Biden ha chiarito che gli Stati Uniti non erano convinti dalle affermazioni di ritiro del Cremlino.

“Non abbiamo ancora verificato che le unità militari russe stiano tornando alle loro basi. In effetti i nostri analisti indicano che rimangono molto in una posizione minacciosa “, ha affermato il presidente. “Il fatto rimane in questo momento la Russia ha più di 150.000 soldati che circondano l’Ucraina e la Bielorussia e lungo il confine con l’Ucraina. Un’invasione rimane chiaramente possibile”.

La Russia ha sempre negato di voler invadere l’Ucraina, dicendo che può esercitare truppe sul proprio territorio come meglio crede. Ha premuto per una serie di garanzie di sicurezza dall’ovest, inclusa la garanzia che l’Ucraina non entrerà mai a far parte della Nato.

Biden ha ribadito la posizione degli Stati Uniti e della Nato secondo cui non scenderanno a compromessi sul diritto dell’Ucraina e di altri paesi di decidere la propria politica di sicurezza, comprese le alleanze.

“Gli Stati Uniti hanno messo sul tavolo idee concrete per creare un ambiente di sicurezza Europa. Stiamo proponendo nuove misure di controllo degli armamenti, nuove misure di trasparenza, nuove misure di stabilità strategica”, ha affermato il presidente. “Siamo disposti a compiere passi pratici orientati ai risultati che possono far avanzare la nostra sicurezza comune. Tuttavia, non sacrificheremo i principi di base. Le nazioni hanno diritto alla sovranità e all’integrità territoriale”.

Rivolgendosi direttamente al popolo russo, il presidente ha detto: “Non sei un nostro nemico e non credo che tu voglia una guerra sanguinosa e distruttiva contro l’Ucraina, un Paese e le persone con cui condividi legami così profondi di storia familiare e cultura”.

“Se la Russia invaderà nei giorni e nelle settimane a venire, il costo umano per l’Ucraina sarà immenso”, ha detto, aggiungendo che sarebbe “una ferita autoinflitta” per la Russia.

Ha anche preparato gli americani alle conseguenze, dicendo: “Non pretenderò che questo sia indolore, potrebbe esserci un impatto sui nostri prezzi dell’energia”. Ha promesso che la sua amministrazione avrebbe adottato misure per mitigare tale impatto.

In un altro segno della Russia che sta girando la vite sull’Ucraina, il ha votato la duma di stato martedì per chiedere a Putin di riconoscere l’indipendenza delle due regioni separatiste controllate dalla Russia nell’est del Paese.

Putin, suggerendo che intendeva usarle come leva, ha detto che non avrebbe riconosciuto immediatamente le “repubbliche”, ma ha invitato la Nato a negoziare con lui sulle garanzie di sicurezza della Russia prima che fosse “troppo tardi”.

“Sentiamo che l’Ucraina non è pronta per entrare a far parte della Nato; lo sappiamo “, ha detto Putin. “Allo stesso tempo, dicono che non si unirà domani. Ma quando si preparano, potrebbe essere troppo tardi per noi. Quindi dobbiamo decidere questa domanda ora, proprio ora, in un futuro molto prossimo, dobbiamo avere un processo di negoziazione per questo. ”

Il prelievo è stato annunciato per la prima volta martedì mattina dal portavoce del ministero della Difesa, Igor Konashenkov, che ha descritto le esercitazioni in corso che hanno coinvolto forze di “praticamente tutti i distretti militari, flotte e forze aviotrasportate”.

Il ministero della Difesa ha rilasciato un video apparentemente girato in Crimea di carri armati russi e altre armi pesanti da due brigate caricate su vagoni ferroviari. In caso contrario, l’esercito russo ha fornito poche informazioni su quali forze sarebbero state ritirate e dove sarebbero state inviate.

Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha dichiarato: “Crediamo che ci sia qualche motivo per un cauto ottimismo sulla base dei segnali e dei segnali provenienti da Mosca, che sono pronti a impegnarsi in uno sforzo diplomatico e siamo pronti a continuare a impegnarci in un sforzo. “

Funzionari ucraini hanno detto che non avrebbero preso Mosca in parola su un prelievo. “Molte affermazioni vengono costantemente fatte [Russia], quindi abbiamo una regola: ci crederemo quando lo vedremo “, ha affermato Dmytro Kuleba, ministro degli esteri ucraino. “Se vedremo il ritiro, allora crederemo nella riduzione dell’escalation”.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha accusato l’Occidente di produrre “follia maniacale dell’informazione”.

“Abbiamo sempre detto che le truppe torneranno alle loro basi una volta terminate le esercitazioni. Anche questa volta è così”, ha detto.

Scholz è arrivato martedì a Mosca per un incontro con Putin, l’ultimo di una serie di visite e telefonate di leader occidentali che cercano di scongiurare una potenziale guerra attraverso negoziati.

Putin si è detto “pronto a lavorare ulteriormente” con l’Occidente su come attenuare la crisi al confine ucraino, mentre il cancelliere tedesco ha affermato che i canali diplomatici “non erano ancora esausti”, in una conferenza stampa congiunta segnata da sottili passaggi e ribollente risentimento storico.

“Siamo pronti a lavorare ulteriormente insieme, siamo pronti a seguire la strada dei negoziati”, ha detto Putin, che ha negato che il suo Paese stesse cercando un’invasione dell’Ucraina. “Per quanto riguarda se vogliamo [war]: ovviamente no. Ecco perché abbiamo avanzato queste proposte sui negoziati, il cui risultato dovrebbe essere un accordo sulla parità di sicurezza per tutti i paesi, compreso il nostro”.

La Russia aveva già annunciato la conclusione di esercitazioni militari vicino al confine ucraino, ma i social media e le fotografie satellitari scattate nei giorni successivi non hanno mostrato cambiamenti sostanziali nella posizione delle forze armate russe. Quelle esercitazioni hanno coinvolto solo un piccolo numero di truppe.

Molte delle truppe situate vicino al confine ucraino non sono coinvolte in alcun addestramento formale.

La Russia sta svolgendo grandi esercitazioni congiunte con la Bielorussia che termineranno il 20 febbraio. I paesi occidentali hanno affermato che quelle esercitazioni potrebbero essere utilizzate come copertura per prepararsi a un attacco all’Ucraina, mentre la Russia ha affermato che le truppe torneranno alla base una volta concluse le esercitazioni.

Martedì, la Russia ha anche schierato bombardieri a lungo raggio con capacità nucleari e jet da combattimento che trasportano missili ipersonici all’avanguardia nella sua base aerea in Siria per grandi esercitazioni navali nella regione.

Il ministro della Difesa russo, Sergey Shoigu, ha incontrato il presidente siriano Bashar al-Assad dopo essere arrivato in Siria per supervisionare le esercitazioni che segnano il più grande dispiegamento navale russo nel Mar Mediterraneo dalla Guerra Fredda.

Rapporti aggiuntivi di Daniel Boffey a Bruxelles e Patrick Wintour a Londra

READ  Carbon Capture: il mondo ha i più grandi fan di assorbimento del carbonio per ripulire il nostro casino. Ma possono salvare la terra?