Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Biden e Xi si scontrano per Taiwan a Bali, ma i timori della Guerra Fredda sono freddi

  • Biden e Xi si incontrano per 3 ore prima del G20
  • Entrambi i leader hanno sottolineato la necessità di rimettere in carreggiata i pareggi
  • L’Indonesia cerca partnership sull’economia globale al G20
  • L’ucraino Zelenskiy affronterà martedì il G20

NUSA DUA, Indonesia, 14 nov (Reuters) – Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping si sono impegnati lunedì in colloqui schietti su Taiwan e la Corea del Nord in un incontro di tre ore volto a evitare che i legami tesi tra Stati Uniti e Cina si trasformino in un nuovo Guerra fredda.

Tra le ribollenti differenze sui diritti umani, l’invasione russa dell’Ucraina e il sostegno all’industria nazionale, i due leader hanno promesso comunicazioni più frequenti. Il segretario di Stato americano Antony Blinken si recherà a Pechino per colloqui di follow-up.

“Ci competeremo vigorosamente. Ma non cerco conflitti, sto cercando di gestire questa competizione in modo responsabile”, ha detto Biden dopo i suoi colloqui con Xi a margine del vertice del G20 in Indonesia.

Pechino ha affermato da tempo che porterebbe l’isola autogovernata di Taiwan, che considera una parte inalienabile della Cina, sotto il suo controllo e non ha escluso l’uso della forza per farlo. Negli ultimi anni ha spesso accusato gli Stati Uniti di incoraggiare l’indipendenza di Taiwan.

In una dichiarazione dopo il loro incontro, Xi ha definito Taiwan la “prima linea rossa” che non deve essere superata nelle relazioni USA-Cina, hanno affermato i media statali cinesi.

Biden ha affermato di aver cercato di assicurare a Xi che la politica degli Stati Uniti su Taiwan, che da decenni sostiene sia la posizione di Pechino “Cina unica” che l’esercito di Taiwan, non è cambiata.

Ha detto che non c’era bisogno di una nuova Guerra Fredda e che non pensava che la Cina ne stesse pianificando una calda.

READ  Macron ha rifiutato il test COVID russo nel viaggio di Putin per timori di furto del DNA - fonti

“Non credo che ci sia alcun tentativo imminente da parte della Cina di invadere Taiwan”, ha detto ai giornalisti.

Sulla Corea del Nord, Biden ha affermato che è difficile sapere se Pechino abbia avuto qualche influenza sui test sulle armi di Pyongyang. “Beh, prima di tutto, è difficile dire che sono certo che la Cina possa controllare la Corea del Nord”, ha detto.

Biden ha detto di aver detto a Xi che gli Stati Uniti avrebbero fatto ciò che è necessario per difendersi e allearsi con Corea del Sud e Giappone, che potrebbero essere “forse più in contrasto con la Cina”, sebbene non diretti contro di essa.

“Dovremmo intraprendere alcune azioni che sarebbero più difensive per nostro conto… per inviare un messaggio chiaro alla Corea del Nord. Difenderemo i nostri alleati, così come il suolo americano e la capacità americana”, ha detto.

Il consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, Jake Sullivan, ha detto prima dell’incontro che Biden avrebbe avvertito Xi della possibilità di una maggiore presenza militare statunitense nella regione, cosa che Pechino non è entusiasta di vedere.

Pechino aveva interrotto una serie di canali di dialogo formale con Washington, compresi i cambiamenti climatici e i colloqui militari-militari, dopo che la presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha sconvolto la Cina visitando Taiwan ad agosto.

Biden e Xi hanno accettato di consentire agli alti funzionari di rinnovare la comunicazione su clima, riduzione del debito e altre questioni, ha affermato la Casa Bianca dopo aver parlato.

La dichiarazione di Xi dopo i colloqui includeva avvertimenti puntuali su Taiwan.

READ  Il Dipartimento di Giustizia annuncia un consulente speciale per le indagini penali su Mar-a-Lago e il 6 gennaio relative a Trump

“La questione di Taiwan è al centro degli interessi fondamentali della Cina, il fondamento politico delle relazioni Cina-USA e la prima linea rossa che non deve essere superata nelle relazioni Cina-USA”, ha affermato Xi da Xinhua agenzia di stampa.

“Risolvere la questione di Taiwan è una questione che riguarda gli affari interni della Cina e della Cina”, ha affermato Xi, secondo i media statali.

Il governo democraticamente eletto di Taiwan rifiuta le pretese di sovranità di Pechino su di esso.

L’ufficio presidenziale di Taiwan ha affermato di aver accolto favorevolmente la riaffermazione di Biden della politica statunitense. “Questo dimostra ancora una volta pienamente che la pace e la stabilità dello Stretto di Taiwan è l’aspettativa comune della comunità internazionale”, ha affermato.

SORRISI E STRETTE DI MANO

Prima dei loro colloqui, i due leader hanno sorriso e stretto calorosamente la mano davanti alle loro bandiere nazionali in un hotel sull’isola indonesiana di Bali, un giorno prima che un vertice del Gruppo dei 20 (G20) fosse irto di tensione per l’invasione russa dell’Ucraina.

“È semplicemente fantastico vederti”, ha detto Biden a Xi, mentre lo circondava con un braccio prima del loro incontro.

Biden ha sollevato una serie di argomenti difficili con Xi, secondo la Casa Bianca, tra cui sollevare obiezioni degli Stati Uniti alle “azioni coercitive e sempre più aggressive della Cina nei confronti di Taiwan”, alle “pratiche economiche non di mercato” di Pechino e alle pratiche nello “Xinjiang, in Tibet, e Hong Kong, e più in generale i diritti umani”.

Nessuno dei leader indossava una maschera per scongiurare COVID-19, sebbene i membri delle loro delegazioni lo facessero.

READ  Amazon inizia a tagliare migliaia di lavoratori

Negli ultimi anni le relazioni USA-Cina sono state agitate da crescenti tensioni su questioni che vanno da Hong Kong e Taiwan al Mar Cinese Meridionale, pratiche commerciali e restrizioni statunitensi alla tecnologia cinese.

Ma i funzionari statunitensi hanno affermato che negli ultimi due mesi sono stati compiuti sforzi silenziosi da parte di Pechino e Washington per riparare le relazioni.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha detto ai giornalisti in precedenza a Bali che l’incontro mirava a stabilizzare le relazioni e a creare “un’atmosfera più sicura” per le imprese statunitensi.

Ha affermato che Biden è stato chiaro con la Cina in merito alle preoccupazioni sulla sicurezza nazionale in merito alle restrizioni sulle tecnologie statunitensi sensibili e ha sollevato preoccupazioni sull’affidabilità delle catene di approvvigionamento cinesi per le materie prime.

Il presidente indonesiano Joko Widodo, ospite del vertice del G20, ha affermato di sperare che il raduno di martedì possa “fornire partenariati concreti che possono aiutare il mondo nella sua ripresa economica”.

Tuttavia, uno dei temi principali del G20 sarà la guerra della Russia in Ucraina.

Xi e Putin si sono avvicinati negli ultimi anni, legati dalla loro condivisa sfiducia nei confronti dell’Occidente, e hanno riaffermato la loro partnership pochi giorni prima che la Russia invadesse l’Ucraina. Ma la Cina è stata attenta a non fornire alcun supporto materiale diretto che potrebbe innescare sanzioni occidentali contro di essa.

Segnalazioni di Nandita Bose, Stanley Widianto, Fransiska Nangoy, Leika Kihara, David Lawder e Simon Lewis a Nusa Dua, e Yew Lun Tian e Ryan Woo a Pechino; rapporti aggiuntivi di Jeff Mason e Steve Holland a Washington; Scritto da Kay Johnson e Raju Gopalakrishnan; Montaggio di Angus MacSwan, Grant McCool, Heather Timmons e Rosalba O’Brien

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.