Luglio 7, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Biden e Putin hanno una conversazione di due ore sull’Ucraina

Negli ultimi mesi, La Russia ha stabilito rotte di rifornimentoSe Mosca sceglie di invadere l’Ucraina, comprese le unità mediche e il carburante, potrebbe sostenere un conflitto prolungato, hanno detto alla CNN due fonti che hanno familiarità con le ultime valutazioni dell’intelligence. Valuta le ultime scoperte dell’intelligence statunitense Con un massimo di 175.000 truppe concentrate al confine, la Russia potrebbe lanciare un’offensiva militare in Ucraina in pochi mesi.

L’incontro è iniziato alle 10:07 ET e si è concluso alle 12:08, ha detto la Casa Bianca.

Biden avrebbe dovuto partecipare a uno dei più importanti incontri di politica estera del giovane presidente, che avrebbe dovuto dire al presidente Putin quali sanzioni e altre misure potrebbero prendere gli Stati Uniti se il presidente russo decidesse di invadere l’Ucraina. L’intelligence statunitense ritiene che Putin non abbia ancora deciso se lanciare un’offensiva militare contro l’Ucraina e Biden aveva pianificato di dire a Putin che gli Stati Uniti erano pronti a prendere “significative contromisure economiche” per infliggere “danni economici significativi e gravi”. L’economia russa deve andare avanti con l’espansione militare di Putin, ha detto ai giornalisti lunedì un alto dirigente.

Vi hanno partecipato entrambi i leader Vertice A Ginevra lo scorso giugno. La loro ultima chiamata pubblica conosciuta Era luglio.

Martedì pomeriggio, su invito, Biden parlerà con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il primo ministro italiano Mario Draghi e il primo ministro britannico Boris Johnson, lo stesso gruppo di alleati europei che ha presentato lunedì sera. Il martedì segna l’ultimo giorno pieno della Merkel.

Lunedì sera, i leader hanno discusso “la loro comune preoccupazione per la struttura militare russa ai confini dell’Ucraina e la retorica sempre più retorica della Russia”, secondo una dichiarazione della Casa Bianca.

READ  Il G7 aumenta le sanzioni alla Russia, si avvicina all'accordo sul tetto massimo del prezzo del petrolio

La Casa Bianca ha dichiarato lunedì in una dichiarazione che “i leader hanno concordato di rimanere in stretto contatto con la struttura militare russa al confine con l’Ucraina in modo coordinato e completo”.

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan è in programma per informare i giornalisti dalla Casa Bianca martedì alle 14:00.

Lunedì, il Pentagono ha confermato che sta continuando a monitorare la “capacità militare aggiuntiva” delle forze russe al confine del paese con l’Ucraina.

“Quello che continuiamo a vedere e quello che continueremo a vedere è il potenziale aggiuntivo che il presidente Putin continuerà ad aggiungere alle sue capacità militari nella parte occidentale del suo paese e in Ucraina”, ha affermato il portavoce del Pentagono John Kirby.

I funzionari statunitensi sono aumentati di peso negli ultimi giorni Vuoi fornire una gamma più ampia di barriere L’obiettivo della Russia è impedire a Putin di lanciare un’invasione dell’Ucraina. Nuove misure contro i membri della cerchia ristretta di Putin e i produttori di energia russi e una potenziale “opzione nucleare” – disconnettere la Russia dal sistema tariffario internazionale SWIFT utilizzato dalle banche di tutto il mondo.

I funzionari hanno affermato che non è stata presa alcuna decisione definitiva su quando utilizzare le nuove sanzioni e che l’amministrazione Biden è attualmente in trattative con gli alleati europei – molti dei quali hanno stretti legami economici con la Russia – nella speranza dell’integrazione.

Parlando lunedì a una conferenza stampa della Casa Bianca, Biden ha dichiarato: “Come abbiamo detto pubblicamente, sarà chiaro che stiamo preparando sanzioni o sanzioni che potrebbero danneggiare l’economia russa”. ”

L’amministrazione sta anche esplorando la possibilità di espellere cittadini statunitensi dall’Ucraina se la Russia invade il paese e crea una situazione di scarsa sicurezza. Mezza dozzina di fonti dicono CNN. Fonti affermano che la pianificazione di emergenza è guidata dal Pentagono e l’amministrazione sta spiegando al Congresso come si stanno preparando gli Stati Uniti. In una conferenza “oscura” dei senatori che Victoria Nuland ha dato ai senatori anziani lunedì sera, Nuland ha delineato le dure sanzioni imposte dall’amministrazione in risposta all’attacco russo, ma ha riconosciuto che le opzioni statunitensi per prevenire un’invasione erano giustificate. Definito, ha detto qualcuno che ha familiarità con la descrizione.

Il leader russo avrebbe dovuto partecipare all’incontro con le sue richieste.

READ  Ben Simmons Philadelphia 76ers Brass Non è mentalmente pronto per giocare

Putin ha dichiarato la scorsa settimana che chiede accordi specifici che respingano l’espansione della NATO a est e il dispiegamento delle sue armi vicino ai confini della Russia. Se Putin ha detto a Biden martedì che la NATO non dovrebbe consentire all’Ucraina di diventare membro – si aspetta – è improbabile che Biden accetterà la richiesta.

Un alto dirigente ha affermato questa settimana che gli Stati Uniti sono “impegnati in serie discussioni con i nostri partner europei su cosa faremmo collettivamente in caso di una grande espansione militare russa”.

L’Unione europea (UE) “sostiene pienamente l’Ucraina di fronte all’aggressione russa”, ha dichiarato martedì il presidente dell’UE Ursula van der Leyen in un tweet.

“Risponderemo a qualsiasi aggressione misurando ed espandendo le barriere esistenti”, ha aggiunto.

Ha aggiunto che l’UE è “pronta a lavorare con i nostri alleati per adottare ulteriori misure di controllo”.

“Il terrorismo e l’ascesa della dittatura possono anche essere un problema di sicurezza per i paesi. In questo contesto, dobbiamo parlare dei movimenti militari russi al confine orientale dell’Ucraina e della loro struttura massiccia”, ha continuato.

È una storia di rottura e verrà aggiornata.

Kevin Liptak, Natasha Bertrand, Ellie Kaufman, Jennifer Hansler, Zahra Ullah, Anna Chernova e Jim Sciutto della CNN hanno contribuito a questo rapporto.