Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Aggiornamenti sul tifone Hinnamnor: la tempesta si dirige verso il mare dopo aver inzuppato la Corea

Credito…Chang W. Lee/The New York Times
Credito…Chang W. Lee/The New York Times
Credito…Chang W. Lee/The New York Times

Il tifone Hinnamnor è tornato in mare martedì mattina, dopo aver colpito la Corea del Sud con forti piogge e vento durante la notte. Ci sono state segnalazioni di inondazioni isolate, ma i danni in tutto il paese sembravano essere limitati all’inizio di martedì.

La tempesta ha superato l’isola di Jeju a mezzanotte ora locale ed è atterrata sulla costa meridionale della penisola coreana alle 4:50 prima di tornare in mare verso le 7:10. È stata declassata a “forte” da “super forte” con si osservano venti fino a 96 miglia orarie, ha affermato l’amministrazione meteorologica della Corea. Entro le 13, gli avvisi di tifone sono stati revocati in tutte le parti della Corea del Sud.

Un decesso è stato segnalato nella città meridionale di Pohang. Forti piogge e forti venti hanno abbattuto alberi e muri e causato inondazioni e interruzioni di corrente in tutta la Corea del Sud. Secondo la Korea Electric Power Corporation, più di 66.000 case hanno perso energia a causa della tempesta. I vigili del fuoco di tutto il paese hanno risposto a centinaia di emergenze legate al tifone.

“Il vento era pazzesco e pioveva a dirotto”, ha detto martedì mattina Kim Sun-myeong, che lavorava in un minimarket nella città meridionale di Busan, aggiungendo che un altro negozio dall’altra parte della strada era chiuso a causa del tifone.

I venti si erano calmati e la pioggia era cessata verso le 7 del mattino, ha detto. È stato ripristinato il servizio di treni e autobus della città ed è stato ripristinato l’accesso ad alcune strade. Ma i venti avevano interrotto l’illuminazione esterna utilizzata per illuminare l’insegna al sig. Il negozio di Kim.

READ  37 nazioni affermano che Russia e Bielorussia "non dovrebbero essere autorizzate a ospitare" eventi sportivi internazionali

Martedì mattina, il presidente Yoon Suk-yeol ha esortato i coreani a non abbassare la guardia mentre il tifone indugiava vicino alla costa orientale.

Ha accreditato il piano del suo governo, che includeva l’invio di ordini di evacuazione tramite SMS e la chiusura delle strade, come chiave per limitare l’impatto della tempesta.

Questa è la seconda grande tempesta che colpisce il Paese nel giro di poche settimane. Il mese scorso, Seoul, la capitale, ha assistito il suo acquazzone più pesante da decenni, provocando inondazioni che hanno ucciso almeno nove persone. La tempesta ha danneggiato alcune stazioni della metropolitana e ha portato a piccole interruzioni di corrente e acqua. Sig. Yoon ha promesso misure per evitare che tali danni si ripetano.

L’amministrazione meteorologica della Corea ha affermato che la maggior parte della nazione vedrebbe da 4 a 12 pollici di pioggia e i venti raggiungerebbero il picco di 134 miglia orarie. Durante il fine settimana, il governo ha emesso il suo avviso di tifone più grave, il livello di allerta più alto in cinque anni.

Le tempeste di questa stagione delle piogge sono state particolarmente forti e i meteorologi hanno affermato che la forza di Hinnamnor potrebbe essere paragonabile a quella di due devastanti tifoni di due decenni fa, Rusa e Maemi. Nel 2002, Tifone Russia travolse la nazione, lasciando decine di morti e distruggendo più di un milione di case. L’anno seguente, Tifone Maemi ha ucciso più di 100 persone e ha causato danni per 1,6 miliardi di dollari.

I termini tifone e uragano si riferiscono cicloni tropicali e si applicano alle tempeste a seconda di dove hanno origine. I tifoni si sviluppano nel Pacifico nord-occidentale e di solito colpiscono l’Asia. Gli uragani si formano nell’Atlantico settentrionale, nel Pacifico nord-orientale, nel Mar dei Caraibi o nel Golfo del Messico.

READ  Florida fa volare 2 carichi di migranti verso Martha's Vineyard

Nell’Atlantico, grandi uragani sono definiti come cicloni tropicali con venti massimi sostenuti di 111 mph o superiori e definiti come tempeste di categoria 3, 4 e 5. Ma nella regione dell’Asia del Pacifico, ci sono variazioni nel modo in cui i paesi classificano i tifoni.

I legami tra tempeste tropicali e cambiamenti climatici sono diventando più evidente. I ricercatori hanno scoperto che il riscaldamento ha aumentato la frequenza delle grandi tempeste perché un oceano più caldo fornisce più energia che le alimenta.