Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l’Ucraina

Due volte al giorno per più di una settimana, la produttrice della CNN Mayumi Maruyama ha cercato di telefonare a una coppia che chiama “Tato” e “Mama” – ucraino per papà e mamma.

Vivono in un piccolo villaggio fuori Chernihiv, una città nel nord dell’Ucraina ora circondata dalle truppe russe che hanno ridotto in macerie i principali monumenti.

Alcuni anni fa, in tempi di pace, Tato e Mama hanno accolto Maruyama nelle loro vite, trattandola come una figlia mentre condividevano i pasti e si scambiavano storie sulle loro vite molto diverse.

Poi è arrivata la guerra.

L’ultima volta che Maruyama ha parlato con Tato, dalla sua nuova casa a Tokyo, è stato il 9 marzo.

La connessione era instabile e siamo riusciti a parlare solo per circa un minuto, Maruyamaha scritto per la CNN. “Non abbiamo luce”, sono le uniche parole che riuscivo a distinguere dalla nostra conversazione artificiosa mentre la linea si interrompeva.

Qui riprende la storia: Venerdì sera avevo una piccola speranza. Il telefono è passato dalla segreteria telefonica a occupato. Poi il giorno successivo, dopo che i miei parenti mi hanno portato in viaggio per distrarmi dalla guerra, ho ricevuto un messaggio da un vicino con delle notizie.

Tato e la mamma erano vivi.

La madre della mia amica è riuscita a entrare in contatto con qualcuno nel loro villaggio. Tato e mamma si stavano rifugiando in uno scantinato con altre persone, ha detto. E la madre di mamma, Babusya, 91 anni, era con loro.

“Di tanto in tanto qualcuno porta loro del pane”, disse l’amico. “La loro casa è ancora intatta.”
READ  Google sta lanciando nuovi cookie popup con l'opzione "rifiuta tutto" in Europa

Ricordo il seminterrato in cui si rifugiano. Era freddo ma spazioso e non ci sono pareti tra i bagni.

La scorsa settimana, 10 persone sono state uccise dalle truppe russe a Chernihiv mentre cercavano di comprare del pane fuori dall’Epicenter K – la versione ucraina di Home Depot – un edificio in stile magazzino che era già stato distrutto dai bombardamenti.

È ancora rischioso tentare di fuggire dal villaggio.

Ma sono sollevato dal fatto che Tato e Mamo siano vivi, anche se i combattimenti infuriano intorno a loro.

Leggi di più sulla loro storia: