Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Aggiornamenti in tempo reale: guerra Russia-Ucraina – The New York Times

BUDAPEST – Oscurate dalla guerra in Ucraina, le elezioni di domenica in Ungheria e Serbia sembrano aver allungato il mandato dei due leader europei più favorevoli al Cremlino, entrambi uomini forti populisti fortificati dal loro schiacciante controllo dei media e dall’energia a basso costo della Russia.

Con oltre il 60 per cento dei voti contati in Ungheria, i risultati preliminari hanno indicato che Viktor Orban, primo ministro ungherese dal 2010 e già il leader più longevo d’Europa, ha vinto per il quarto mandato consecutivo nonostante le accuse dell’opposizione di aver consentito l’assalto militare della Russia coccolando per anni il presidente russo Vladimir V. Putin.

“Abbiamo ottenuto una vittoria così grande che forse puoi vederla dalla luna, e sicuramente da Bruxelles”, ha detto il sig. Orban ha detto a una folla esultante di sostenitori domenica scorsa, dando uno sguardo all’Unione Europea, che ha a lungo accusato di spingere LGBTQ e diritti dei migranti a dispetto della volontà democratica degli elettori ungheresi.

I risultati preliminari hanno deluso le speranze del sig. I nemici politici di Orban secondo cui un campo di opposizione insolitamente unito potrebbe spezzare la presa sempre più autoritaria del suo partito al governo Fidesz sulla nazione dell’Europa centrale vicino all’Ucraina.

Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, parlando all’inizio di domenica nella sua capitale, Kiev, ha descritto il sig. Orban come “praticamente l’unico in Europa a sostenere apertamente Mr. Mettere in. “

Interrogato sul sig. La valutazione di Zelensky dopo aver espresso il suo voto a Budapest domenica mattina, il sig. Orban disse seccamente: “Mr. Zelensky non vota oggi. Grazie. Ci sono altre domande? “

Credito…Nanna Heitmann per il New York Times

Il presidente della Serbia Aleksandar Vucic, anche lui amico di Mosca, ha governato la Serbia dal 2012 e avrebbe dovuto vincere la rielezione dopo aver radunato la sua base nazionalista e filo-russa rifiutandosi di aderire all’Unione Europea per imporre sanzioni alla Russia. La Serbia spera di diventare un membro del blocco europeo, ma la sua applicazione è in stallo.

Un’affluenza insolitamente alta in Serbia di quasi il 60% ha costretto i funzionari a tenere aperti i seggi elettorali fino a tarda sera in alcune aree. Tra le denunce di gioco scorretto da parte dell’opposizione, la commissione elettorale centrale di Belgrado, la capitale, ha dichiarato che non pubblicherà i risultati fino a lunedì mattina.

READ  Il Comitato del 6 gennaio piega la sua autorità perché l'accusa Bonan serve come monito per altri testimoni riluttanti

Ma gli exit poll hanno indicato che il sig. Vucic vincerebbe un nuovo mandato come presidente e che il suo Partito progressista serbo manterrebbe la sua presa sul Parlamento, anche se con una maggioranza ridotta. L’opposizione ha affermato di aver ottenuto il controllo del governo municipale di Belgrado.

L’Ungheria e la Serbia hanno storie molto diverse. Sig. Orban governa un paese che, fino alla sua salita al potere, considerava la Russia con grande sfiducia a causa delle sue passate sofferenze per mano della Russia, in particolare quando Mosca inviò truppe per reprimere brutalmente una rivolta anticomunista nel 1956. Mr. La nazione di Vucic, tuttavia – cristiana slava e ortodossa, come la Russia – ha a lungo guardato a Mosca come sua alleata e protettrice.

Ma sotto i due leader degli uomini forti, negli ultimi dieci anni entrambi i paesi hanno ridotto drasticamente lo spazio per le voci critiche dei media, trasformando le stazioni televisive con portata nazionale in megafoni di propaganda e muovendosi verso un governo autoritario. Ognuno ha coltivato stretti legami con Mr. Putin, che ha appoggiato la campagna elettorale del leader ungherese quando ha visitato Mosca a febbraio, poco prima dell’invasione dell’Ucraina.

Credito…Nanna Heitmann per il New York Times

La Serbia ha rifiutato di imporre sanzioni alla Russia mentre l’Ungheria, membro dell’Unione Europea dal 2004, ha accettato un primo round di sanzioni europee, ma ha resistito fermamente ad estenderle per includere restrizioni sulle importazioni di energia dalla Russia.

In contrasto con i leader della vicina Polonia, in precedenza stretto alleato di Mr. Orban, grazie alla comune ostilità ai valori liberali, il leader ungherese ha rifiutato anche di far passare nel suo Paese armi destinate all’Ucraina.

Prima dell’elezione dell’Ungheria, il sig. Orban ha risposto per contrastare le accuse dell’opposizione secondo cui la sua politica nei confronti dell’Ucraina aveva tradito non solo gli alleati stranieri, ma anche i dolorosi ricordi dell’aggressione da parte della Russia dell’Ungheria. Sig. Orban ha mobilitato i media, la maggior parte dei quali è controllata dallo stato e da magnati amici, per definire i suoi oppositori come guerrafondai decisi a inviare truppe ungheresi a combattere contro la Russia. Le elezioni hanno offerto una “scelta tra guerra e pace”, hanno avvertito i media filogovernativi.

READ  Il CEO di Tesla Elon Musk non entrerà a far parte del consiglio di Twitter

La campagna sembra aver funzionato, anche tra alcuni elettori più anziani che ricordano le sofferenze causate dalle truppe di Mosca nel 1956. “Perché i ragazzi ungheresi dovrebbero combattere per l’Ucraina?” chiese Janos Dioszegi, che aveva 13 anni all’epoca della rivolta ungherese e il cui padre fu imprigionato per 14 anni dalle autorità sostenute dai sovietici per il suo ruolo nella rivolta anti-Mosca. Ha detto che “ovviamente” ha scelto il sig. Il partito Fidesz di Orban quando ha votato a Nagykovacsi, una cittadina vicino a Budapest.

Facendo eco a una frase spesso trasmessa dai media controllati da Fidesz, Mr. Dioszegi ha detto che non c’era bisogno di aiutare l’Ucraina a difendersi perché aveva provocato la guerra diventando “una base militare per l’America”.

Fino a quando il sig. Putin ha inviato truppe in Ucraina a febbraio. 24, il fulcro del Sig. La campagna elettorale di Orban è stata un referendum infuocato, programmato per il giorno delle elezioni parlamentari, sull’opportunità di insegnare ai bambini a scuola il trattamento chirurgico di transizione di genere ed esposti senza restrizioni a materiale sessualmente esplicito.

La guerra della porta accanto in Ucraina, tuttavia, ha fatto deragliare Mr. Lo sforzo di Orban per convincere gli elettori a concentrarsi sugli individui transgender e sui gay, costringendo un riavvio incentrato sul dipingere i suoi oppositori come desiderosi di portare l’Ungheria in guerra.

Credito…Nanna Heitmann per il New York Times

Quando centinaia di ungheresi filo-ucraini e rifugiati dall’Ucraina si sono riuniti sabato nel centro di Budapest per denunciare la recinzione del governo sulla guerra, la principale stazione televisiva controllata dallo stato, M1, ha descritto l’evento come una “manifestazione a favore della guerra”. Anna Olishevska, una 24enne ucraina di Kiev che ha partecipato, ha elogiato gli ungheresi comuni che aveva aiutato dopo essere fuggita oltre il confine. Più di 500.000 ucraini sono entrati in Ungheria nell’ultimo mese, molto meno degli oltre due milioni che sono entrati in Polonia, ma ancora un gran numero per un paese in cui l’ostilità velenosa verso i migranti stranieri era stata a lungo la pietra angolare di Mr. La piattaforma politica spesso xenofoba di Orban.

READ  Il giudice blocca il rilascio di ulteriori documenti nell'indagine sulla morte di Bob Saget

Pur felicissima della sua accoglienza in Ungheria, la sig. Olishevska ha detto che il governo è stato così esitante nel condannare l’invasione russa e si è opposto all’aiutare l’Ucraina a difendersi, che si preoccupa di rimanere in Ungheria se il sig. Orban ha vinto un altro mandato.

“Non posso restare in un paese in cui il governo sostiene la Russia”, ha detto, sventolando un cartello dipinto a mano che diceva al sig. Putin dove attaccare i suoi razzi.

Alcuni importanti sostenitori del sig. Il partito di Orban ha persino accusato l’Ucraina dello spargimento di sangue nel 1956, con Maria Schmidt, storica e direttrice del museo, affermando falsamente sabato quel Nikita S. Khrushchev, il leader sovietico che quell’anno ordinò le truppe in Ungheria, era ucraino. Era russo. SM. Schmidt ha travisato le origini del leader sovietico in risposta a a tweet del comico britannico John Cleese, che ha esortato gli elettori ungheresi a considerare se fosse stata la Russia o l’Ucraina a invadere l’Ungheria nel 1956.

Credito…Nanna Heitmann per il New York Times

La tempesta di distorsioni e falsità nei media ungheresi controllati da Fidesz ha lasciato i sostenitori dell’opposizione nella disperazione.

“Si limitano a ripetere bugie ancora e ancora, giorno dopo giorno”, ha detto Judit Barna, 81 anni, medico, fuori da un seggio elettorale centrale di Budapest, dove aveva appena votato per un biglietto dell’opposizione unita guidato da Peter Marki Zay, una cittadina conservatrice Sindaco.

Riferendosi al sig. All’inizio della carriera politica di Orban come un tizzone anti-Mosca che nel 1989 ha chiesto che le truppe sovietiche se ne andassero, ha chiesto: “Come è possibile dopo 40 anni di occupazione sovietica e 30 anni di democrazia che lo stesso ragazzo che una volta gridò: ‘Russi, andate casa ‘puoi ora dire che la Russia sta combattendo una guerra giusta in Ucraina? ”

Grazie alla morsa di Fidesz sui media, ha aggiunto: “Metà della popolazione ungherese si mangia tutte queste bugie. Questa è la vergogna dell’Ungheria”.