Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Aggiornamenti in tempo reale di Covid: casi globali, booster per vaccini e le ultime novità

Credito…Aly Song / Reuters

Ai residenti di Shanghai che hanno raggiunto il limitare la loro pazienza con un lockdown che li ha tenuti chiusi in casa per due settimane, un alto funzionario sanitario ha un messaggio: “Non possiamo abbassare la guardia”.

Nonostante le notizie secondo cui la chiusura della vita quotidiana a Shanghai ha causato carenza di cibo e ridotto l’accesso alle cure mediche, domenica Liang Wannian, un alto funzionario della Commissione sanitaria nazionale cinese, ha affermato che il blocco è stato il modo migliore per garantire “prima le persone, le vite primo. “

Nell’ambito della strategia Paese zero-Covid, Shanghai e più di una dozzina di altre città in Cina sono in blocco totale o parziale per affrontare i picchi nei casi di Omicron del coronavirus. I lockdown mettono a nudo una crescita sociale e costo economico della strategia, che è stata abbandonata quasi ovunque nel mondo.

Altri paesi hanno revocato la maggior parte delle restrizioni, ma “stare sdraiati non è un’opzione per la Cina”, ha affermato il sig. Liang ha detto, riferendosi al fenomeno di “sdraiarsi” o rilassarsi, di fronte a una sfida.

Il tasso di vaccinazione relativamente basso della Cina tra gli anziani e le sue limitate risorse sanitarie per il trattamento di casi di virus gravi continuano a preoccupare i funzionari e impediscono loro di allentare le restrizioni pandemiche. Ci sono circa 264 milioni di persone di età superiore ai 60 anni in Cina e circa 40 milioni di loro non sono state vaccinate contro il coronavirus.

READ  Doug Prescott batte il record di touchdown in una sola stagione dei Dallas Cowboys di Tony Romo nella finale di stagione

Le infezioni in questo gruppo erano inevitabili, Mr. Liang ha detto, ma “dobbiamo prenderlo sul serio”. Ha parlato in un’intervista con i media statali cinesi.

Lunedì le autorità sanitarie hanno segnalato 27.419 nuovi casi trasmessi localmente in Cina, la maggior parte dei quali a Shanghai, una città di 26 milioni di abitanti. Il numero di casi è piccolo rispetto a molti paesi, ma la recente ondata, alimentata dalla variante Omicron, è la più grande che la Cina abbia mai sperimentato finora.

La Cina ne ha segnalati più di 200.000 casi di coronavirus trasmessi localmente a Shanghai dall’inizio dell’epidemia il mese scorso, la maggior parte dei quali lievi o asintomatici. La città ha un solo caso che è attualmente classificato come “gravo”; i funzionari hanno affermato che il caso richiedeva cure ospedaliere ma non è stato elaborato. Non sono stati segnalati decessi nell’attuale focolaio.

I test di massa, una parte fondamentale della strategia cinese per eliminare le infezioni, hanno consentito alle autorità sanitarie di isolare i pazienti che risultano positivi e di inviarli rapidamente in ospedale o in una struttura di isolamento. La città di Guangzhou, nel sud della Cina, ha dichiarato la scorsa settimana che avrebbe testato tutti i 18 milioni dei suoi residenti, dopo che un piccolo numero di casi trasmessi localmente – meno di 30 – era stato segnalato nei sette giorni precedenti. I funzionari di Shanghai hanno annunciato un secondo round di test di massa per i 25 milioni di residenti di quella città durante il fine settimana.

Nella città di Wuhan, dove è emerso per la prima volta il coronavirus, lunedì i funzionari hanno iniziato a richiedere ai residenti che desiderano utilizzare la metropolitana della città di avere un risultato negativo a un test dell’acido nucleico nelle ultime 48 ore. I passeggeri devono mostrare il risultato del test e scansionare un codice dal vagone della metropolitana in cui si trovano, in modo che le autorità possano tenere traccia dell’esposizione, secondo un avviso pubblicato lunedì online dalla metropolitana di Wuhan.

READ  Antonio Brown a torso nudo fa un gesto verso la folla mentre scende nel bel mezzo della partita Buchanan-Jets - CBS Boston

Sebbene il sig. Liang ha indicato che la Cina non si sarebbe tirata indietro dalla sua strategia per il coronavirus, le autorità di Shanghai sembravano rispondere a una protesta pubblica sulla gestione dell’epidemia da parte della città. Il vicesindaco ha dichiarato sabato che la città inizierà a revocare le misure di blocco nei quartieri che durano 14 giorni senza un nuovo caso. Lunedì, la città ha annunciato un sistema per classificare i distretti in base al numero di casi positivi segnalati in ciascuno.

Tuttavia, queste mosse non faranno molto per mitigare il maggiore impatto economico del blocco, hanno affermato alcuni economisti.

“L’entità del blocco è molto più grave di quanto si pensi”, ha affermato Bo Zhuang, analista cinese presso la società di investimento Loomis Sayles.

Per la maggior parte dello scorso anno, solo poche città in Cina sono state bloccate alla volta e il danno economico è stato gestibile, ha affermato il sig. ha detto Zhuang. Ma in questi giorni, ha stimato, l’equivalente di circa un quarto della produzione economica cinese è sospeso.

“Ora stiamo parlando di un paio di province bloccate a causa di Omicron”, ha detto il sig. ha detto Zhuang. “Questo sarebbe un rischio per il futuro”.

La crescente frustrazione per l’interruzione della vita quotidiana è un altro rischio.

Quando milioni di persone a Wuhan lunedì mattina hanno appreso delle nuove regole imposte durante la notte in merito al sistema della metropolitana della città, molti si sono rivolti ai social media per lamentarsi.

“Da quando Wuhan ha revocato il blocco due anni fa, ha emesso le misure di prevenzione e controllo più rigorose”, ha scritto Zhai Haichao, scrittore e uomo d’affari, sulla popolare piattaforma di social media cinese Weibo. “È inquietante che non vediamo la fine della pandemia”.